Entrare nel mondo “For Glory” [1/4]: Mentalità

mentalità

Guida estratta dalla pagina orginale del Forum.

Prima di comprare i giusti materiali/attrezzature, prima di guardare i video tutorial, prima di iniziare ad allenare i vostri personaggi preferiti, prima ancora di iniziare a giocare, siete COSTRETTI e dovete essere PRONTI ad attraversare una fase importantissima che, se non viene superata, renderà futile qualsiasi vostro tentativo di diventare un pro player.

ROMPETE/LIBERATEVI delle “barriere mentali”.

Consiglio caldamente di approfondire l’aspetto “barriere mentali” con la lettura che riguarda la figura dello “Scrub”.

Il seguente, è forse il consiglio più importante che io possa trasmettervi attraverso la mia esperienza. Se non siete in grado di accettare la condizione numero “1” potete anche lasciar scivolare ogni desiderio di competere in questo ambiente nel mondo dei sogni.

1 – Dimenticate l’orgoglio (almeno all’inizio della vostra “carriera”). Forse, in un primo momento sarà difficile accettare certe affermazioni, magari anche capirle; e quando qualcuno vi “sbatterà” in faccia la verità, potrebbe capitarvi di sentire una pungente sensazione dietro la testa. Quello è l’orgoglio che cercherà di spingervi a negare ogni evidenza. DIMENTICATE L’ORGOGLIO, scartatelo se dovete, almeno nei primi mesi di carriera competitiva. Mantenerlo vivo vi sarà solo d’intralcio all’inizio e vi impedirà di competere veramente in futuro.

Avete iniziato a metterlo da parte? Benissimo allora siete pronti per passare al punto successivo:

2 – Accettate il fatto che NON SIETE BRAVI. Si, forse è vero; battete tutti i vostri amici off/online o magari anche 3 cpu di livello 9 su final, ma non è in alcun modo segno di abilità a livello competitivo. Io stesso qualche anno fa mi sono trovato in questa situazione; non ha fatto altro che rallentare la mia curva di apprendimento del gioco. L’unico per modo per testare veramente il vostro livello di abilità è quello di giocare contro un vero player competitivo OFFLINE (dato che molti si spacciano per tali senza nemmeno capire un terzo delle meccaniche del gioco) e vedere se si ottengono dei risultati. Non dimenticate anche, che togliere una vita ad un giocatore esperto non significa necessariamente cavarsela. Sopratutto se avete iniziato a giocare seriamente da poco (o meglio, ci provate). Questo perchè è probabile che il top player utilizzi personaggi con cui non ha molta esperienza per aiutarvi nella comprensione del gioco; come è anche quasi certo che non stia dando il meglio di se per non scoraggiarvi agli inizi (no, asfaltarvi in maniera aggressiva subito ed incondizionatamente non vi aiuterà, almeno non nei primi tempi) . Quindi, in tal caso, evitate di andare in giro a sbandierare al mondo quanto questo dimostri che siete dei giocatori degni di nota e che i veri pro non sono poi così forti. Non farebbe altro infastidire gli stessi player che cercavano di aiutarvi e li spingerebbe ad ignorare VOI ed i futuri interessati.

3 – Siate Umili. Ascoltate i consigli dei più abili e metteteli in pratica. Non offendetevi se vi viene detto che giocate male o che commettete molti errori. Si tratta probabilmente della semplice verità. Dritte e critiche vengono “amministrate” solamente per aiutare a migliorare. Puntarvi sulle vostre idee e teorie (probabilmente errate) non farà altro che bloccare il vostro apprendimento.

4 – No, non siete in grado di arrivarci da soli. Smash, come tanti altri giochi competitivi, è colmo di tecniche avanzate e combo che hanno richiesto (in alcuni casi) anni prima di essere scoperte e domate. Come è vero che esiste il genio di turno in grado di capire quasi tutto da solo, è anche vero che molto probabilmente questo genio non siete voi. Quello che sto cercando di dirvi è: chiedete, chiedete e chiedete. Anche perchè nella maggior parte dei casi, le persone appartenenti a questo tipo di ambiente saranno felicissime di aiutarvi a diventare dei giocatori esperti!

5 – Non esiste “onore”. Combattere nel mondo [For Glory] (come ci piace chiamarlo ora), significa compiere qualsiasi azione che possa aumentare le nostre probabilità di vittoria. Non importa se “rubare” il bordo, o compiere certe combo/azioni contro l’avversario potrà sembrare “scorretto”. Come ci racconta il libro “Play to Win”, il gioco non conosce “onore”, conosce solo la vittoria o la sconfitta. Sbloccatevi dalle barriere che vi siete imposti, un regolamento esiste ed è in continua revisione per assicurare che tutto sia equo per qualsiasi partecipante. Molto più probabile è che la colpa sia vostra! Siete voi che dovete imparare a superare certi ostacoli, a controbattere!

Ricordo che esistono rigidi regolamenti studiati appositamente per garantire la completa neutralità della partita (quindi no hazards ecc). Questo per permettere solamente al giocatore più forte, abile e preparato la possibilità di portarsi a casa il match; se non addirittura il primo posto classificato dell’eventuale torneo.

6 – Siate pazienti. Smash in particolare, richiede molto tempo per acquisire una certa manualità e fluidità nel gameplay competitivo. Ci vuole molta pazienza, io ad esempio, ho impiegato un mesetto buono (se non di più) per iniziare a muovermi in maniera perlomeno decente (e vincere contro i personaggi “scarsi” di chi mi allenava). Capisco quanto possa essere frustrante vedere pochi miglioramenti dopo tanto tempo, ma una volta frantumato il primo muro, tutto inizierà  scorrere in maniera più fluida e veloce, questo ve lo posso garantire.

7 – Non demoralizzatevi, giocate contro CHI VI BATTE. Inutile negarlo, ne prenderete davvero tante, e probabilmente da molti, se non da tutti. Non è il caso di abbattersi, si impara solo sbagliando e si raggiungono risultati solo con la perseveranza e l’impegno. Non abituatevi però a giocare esclusivamente con chi si dimostra “solo” alla vostra altezza, non farebbe altro che bloccare il vostro apprendimento. A nessuno piace perdere, è un dato di fatto, ma con il giusto spirito di osservazione, dalle sconfitte si apprendono sicuramente i propri errori e si impara a correggere certe sviste.

8 – La curva di apprendimento non è uguale per tutti. alcune persone imparano più in fretta di altre. Questo non significa che, chi ci impiegherà qualche settimana in più a raggiungere certi livelli, non potrà diventare un asso del gioco rispetto a chi invece era spiccato fin dall’inizio. Quindi di nuovo, non demoralizzatevi e continuate a giocare! Fidatevi, gli sforzi vengono premiati a dovere!

Con questo concludo la prima parte della guida, restate sintonizzati per non perdervi i prossimi capitoli!

[PARTE 2/4]

Annunci

5 pensieri su “Entrare nel mondo “For Glory” [1/4]: Mentalità

  1. Pingback: Entrare nel mondo “For Glory” [2/4]: Attrezzatura. | Smash Bros Italia

  2. Pingback: Smash Bros Italia

  3. Pingback: Entrare nel mondo “For Glory” [4/4]: I primi tornei | Smash Bros Italia

  4. Pingback: Raggiungere lo “step successivo” di Myiamoto | Super Smash Bros Italia

  5. Pingback: Introduzione al For Glory! | Super Smash Bros Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...